Blancpain Endurance Series 2014: GT Racing At Its Finest

DSC_2813_H

C’è ancora un senso di brio nell’aria. Un qualcosa che lascia il segno e, probabilmente, per molti senza nessun particolare motivo dato che stiamo parlando di una corsa automobilistica. Ma il punto è che non si tratta di una gara qualsiasi, bensì di quello che si può definire il campionato GT più bello d’Europa.

There’s still a sense of liveliness in the air. Something that leaves its mark and, probably, for many people without any particular reason since that we’re talking about a car race. But the point is that it’s not “any” race, but more what it can be defined as the most beautiful GT championship in the whole Europe.

 BES_2014_Carbone (19)

Forse qualcuno non sarà d’accordo, ma qui in Italia se si vuole assistere all’elite di questa spettacolare categoria c’è poco da fare, il Blancpain Endurance Series è il campionato di riferimento. E’ indescrivibile la fibrillazione che abbiamo già dal Giovedì quando arrivano i team a invadere il paddock e i box dell’Autodromo e ora vi spieghiamo brevemente anche il perché di questo entusiasmo.

Maybe someone would disagree, but here in Italy if you want to see the elite of this spectacular category there is very little to do, the Blancpain Endurance Series is the championship of reference. The fibrillation that is on us since Thursday, when the teams coming to invade the paddock and the boxes of the Autodromo is beyond description, and now we will explain you why we’re so excited.

 DSC_1627_H

Innanzitutto il formato di gara: come il nome stesso della serie suggerisce, si tratta di eventi di durata e non di semplici gare sprint. A Monza sono tre le ore di gara, intense, emozionanti e coinvolgenti. Anche se questi 180 minuti volano via in fretta quando li vivi in prima persona, anche se ne vorresti sempre di più, chiedendoti come sarebbe una intera 24 ore all’Autodromo, per quelle tre ore non ci sei per nessuno.

First of all the racing format: as the same itself may suggest, the events are endurance races, not just sprint races. In Monza there are three hours of intense, emotional and enthralling racing. Even if these 180 minutes fly away quite quickly when you live them in person, even if you would like more and more of it, asking to yourself how a 24h race would be at the Autodromo, for those three hours it’s like if you’re in another world.

 BES_2014_Carbone (10)

I colpi di scena, i sorpassi, gli sportellamenti non mancano mai. Ovunque ti sposti questo infinito carosello di GT3 che spinge al massimo in pista quasi ti incanta.

The twists, the overtakes, the door-to-door battles never miss. Everywhere you go, this endless carousel of GT3 cars at full throttle is almost mesmerizing.

DSC_1116_H

E nonostante il taglio netto di partecipanti a questa edizione 2014 del BES (40 auto rispetto alle 60 della scorsa stagione), compresi alcuni top team come Marc VDS che ha deciso di dedicarsi quasi interamente alle VLN del mitico Nurburgring, l’arrivo di nuovi contendenti al titolo ha portato comunque una ventata di aria fresca. Nuovi contendenti come la neonata Bentley, che ha schierato le due bianche Continental GT3 con un lineup di piloti decisamente forte

And despite the cut of the entrants in this 2014 edition of the BES (40 cars compared to the 60 of the last season), including some top teams like Marc VDS that decided to concentrate on the VLN series of the legendary Nurburgring, the arrival of new contenders for the title has brought a bit of fresh air anyway. New contenders like the newborn Bentley, that has lined up the two white Continental GT3 with a quite strong team of drivers

 BES_2014_Carbone (22)

che comprende gente come l’Inglese Guy Smith, vincitore della 24h di Le Mans nel 2003 con un’altra Bentley piuttosto famosa, la Speed 8.

including people like the Brit Guy Smith, winner in the 2003 24h of Le Mans race with another quite famous Bentley, the Speed 8.

 BES_2014_Carbone (6)

Ma torniamo alla gara. Ore 14:45, scatta il semaforo verde e si scatena l’inferno composto dalle 40 GT3 che arrivano decise alla Prima Variante. Fortunatamente non ci sono incidenti. D’altronde è una gara di durata e mettere se stessi e gli altri ko alla prima curva sarebbe una mossa poco intelligente.

But let’s go back to the race. 14:45, green lights are on and all hell breaks loose, composed by the 40 GT3 cars that come very fast at the Prima Variante. Luckily there are no incidents. On the other hand this is an endurance race and putting yourself and the others at risk on the very first corner would be a not-so-smart move.

 DSC_1437_H

Davanti a tutti c’è la McLaren MP4-12C #98 del team ART Grand Prix, auto che ha dominato anche le qualifiche grazie al giro perfetto di Alvaro Parente. Ormai la McLaren sembra aver risolto i problemi di affidabilità delle stagioni passate e da subito inizia a prendere margine dal resto del gruppo.

Leading the pack, there’s the McLaren MP4-12C #98 of the ART Grand Prix team, car that has dominated also the qualifying session thanks to the perfect lap of Alvaro Parente. By now, the McLaren seems to have solved the reliability issues of the past seasons and it starts to take a good gap from the rest of group from the beginning.

 BES_2014_Carbone (11)

Nonostante una convincente partenza da parte della Bentley #7 che ha sorpreso le due Ferrari che aveva davanti in griglia, poco dopo la macchina inglese cade in sesta posizione, superata nuovamente dalle Ferrari ma anche dalla Audi R8 della Sainteloc Racing e dall’altra McLaren della ART Grand Prix.

Despite a good start of the Bentley #7 which has overtaken the two Ferraris that were in front of it, after a few laps the British car falls in sixth position, overtaken again by the Ferraris but also from the Audi R8 of the Sainteloc Racing and from the other McLaren of the ART Gran Prix.

BES_2014_Carbone (15)

In classe Pro-Am la lotta all’inizio è tutta tra la Ferrari 458 #11 della Kessel e la #333 della Rinaldi, ma poco dopo anche loro devono cedere il passo all’Italianissimo team della ROAL Motorsport con la stupenda BMW Z4

In Pro-Am class the fight at the beginning is all between the Ferrari 458 #11 of the Kessel and the #333 of the Rinaldi team, but soon after they were both leaving their positions to the very Italian team ROAL Motorsport with its beautiful BMW Z4

 BES_2014_Carbone (21)

e alla Nissan GT-R della Nissan GT Academy Team RJN, che grazie a una partenza e a un primo stint di gara pazzesco da parte di Alex Buncombe ha scalato la classifica dal 32esimo posto al 12esimo in appena un paio di giri. Date un occhio a questo video e diteci se questo non è guidare con il coltello tra i denti.

and to the Nissan GT-R of the Nissan GT Academy Team RJN, that thanks to a crazy start and first part of the race from the driver Alex Buncombe has climbed the grid from the 32nd place till the 12th place in just a couple of laps. Have a look at this video and tell us if this is not pure hardcore driving.

 DSC_2096_H

Nella categoria Gentlemen invece è stato tutto svolto alla perfezione dalla Ferrari #458 della Rinaldi, che non ha mai dovuto lottare contro le altre auto di categoria per tutta la durata della corsa, grazie anche al passo costante dei tre piloti che si sono succeduti al volante.

While in the Gentlemen class everything has been done perfectly from the Ferrari #458 of the Rinaldi team, that never had to fight against the other cars of its category for the whole race, also thanks to the constant pace of the three drivers that shared the seat of the car.

 DSC_3019_H

La cosa più bella per ogni appassionato sono, come detto all’inizio, i sorpassi e i colpi di scena. E di certo non sono mancati con 40 auto in pista e 3 ore di gara.

The most beautiful things for and enthusiast are, as we said at the beginning, the overtakes and the unexpected things. And there was certainly no lack of both of these things with 40 cars of the track and 3 hours of racing.

 DSC_3167_H

Anzi, c’è anche chi, a pochi minuti dalla fine, ha commesso degli errori che gli sono costati cari.

On the contrary, there was also who did some big mistakes just a few minutes away from the finish.

BES_2014_Carbone (26)

Alla 17:45 cala la bandiera a scacchi e per il team Francese ART Grand Prix non c’è solo la vittoria assoluta con Parente/Premat/Demoustier,

at 17:45 the checkered flag drops and for the French team ART Grand Prix there isn’t just the overall victory with Parente/Premat/Demoustier,

 BES_2014_Carbone (7)

ma anche un bel terzo posto con la gemella McLaren #99 guidata da Korjus/Estre/Soucek.

but also a nice third place with the twin McLaren #99 driven by Korjus/Estre/Soucek.

 DSC_3093_H

Sul secondo gradino del podio, a completare quello che è stato un dominio dei team francesi in classe Pro, l’Audi R8 #26 del team Sainteloc Racing con Sandstroem/Ortelli/Guilvert.

On the second step of the podium, to complete what have been a french teams domination in Pro class, the Audi R8 #26 of the Sainteloc Racing team with Sandstroem/Ortelli/Guilvert.

 BES_2014_Carbone (17)

Anche sul podio della Pro-Am ci sono state tre bandiere della stessa Nazionalità a sollevarsi in aria, per la precisione tre tricolori Italiani. Al primo posto si è piazzata la bianca BMW Z4 della ROAL Motorsport con Comandini/Amos/Colombo

Also on the Pro-Am podium there have been three flags of the same Nationality to rise up in the air, to be precise three tricolor Italian flags. The first place went to the white BMW Z4 of the ROAL Motorsport with Comandini/Amos/Colombo

 DSC_2883_H

seguita da due Ferrari 458, la #90 della Villorba Corse di Rizzoli/Gai/Castellacci

followed by two Ferrari 458s, the #90 of the Villorba Corse of Rizzoli/Gai/Castellacci

 DSC_3006_H

e la #50 di Sonvico/Knap/Danyliw che hanno portato il team AF Corse sul terzo gradino del podio.

and the #50 of Sonvico/Knap/Danyliw that brought the AF Corse team on the third step of the podium.

 BES_2014_Carbone (16)

Come abbiamo detto prima, in classe Gentlemen la verde Ferrari 458 del team Rinaldi ha dominato fin dai primi giri della corsa, mantenendo la testa fino alla bandiera a scacchi,

As we said before, in the Gentlemen class the green Ferrari 458 of the Rinaldi team has dominated since the first laps of the race, maintaining the lead till the checkered flag

 BES_2014_Carbone (3)

piazzandosi davanti ad altre due Ferrari 458, la #41 della Sport Garage

placing itself in front of other two Ferrari 458s, the #41 of the Sport Garage team

 DSC_3247_H

e la #51 della AF Corse.

and the #51 of the AF Corse team.

 DSC_2829_H

Il BES come sempre garantisce uno spettacolo di altissimo livello, il lineup di piloti e macchine non è secondo a nessun campionato GT Europeo e anche se l’entry list di questa edizione non era consistente come gli anni passati si sono viste comunque battaglie epiche.

As always the BES ensures a very high level show, the lineup of both drivers and cars is second to no European GT championship and even if the this year’s entry list was not as consistent as the past years there were some epic battles anyway.

DSC_1252_H

La prossima tappa sarà sul tracciato inglese di Silverstone, quindi se non avete modo di essere presenti non dimenticatevi di vedere la gara via streaming direttamente dal sito del Blancpain GT Series.

The next round will be on the British track of Silverstone, so if you don’t have the chance to be there don’t forget to see the race via streaming directly from the Blancpain GT Series website.

 BES_2014_Carbone (5)

E ora, a concludere il nostro report della tappa inaugurale di Monza, champagne e complimenti ai vincitori!

And now, to conclude our report of the inaugural race of Monza, champagne and congratulations to the winners!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s