La Corsa Più Bella Del Mondo

FERRARI 250 MM (1953) Meier Werner Lüthi Adrian

Così la definiva il grande Enzo Ferrari, gara di riferimento per le auto sportive più famose di tutti i tempi. Nessuna definizione fu più vera di questa: la 1000 MIGLIA, nonostante sia diventata una “semplice” rievocazione storica, conserva ancora oggi un fascino unico ed irripetibile.

So it was called by the great Enzo Ferrari, main race for the most famous sports cars of all times. No definition more real than this one: the 1000MIGLIA, although it become a “simple” historical re-enactment, it still preserves nowdays a unique and unrepeatable charm.


TALBOT LAGO T26 Grand Sport Coupé (1950) Kersten Engelbertus Bodewes Thecla

Tutto iniziò nel 1927, quando il conte Aymo Maggi, il geniale organizzatore Renzo Castagneto ed il primo finanziatore Franco Mazzotti furono delusi dalla mancata assegnazione a Brescia del GP d’Italia (fu preferito il circuito di Monza) ed idearono una corsa di velocità da svolgere su strada per circa 1.600km in un’unica tappa massacrante Brescia-Roma-Brescia.

It all began in 1927, when the earl Aymo Maggi, the brilliant organizer Renzo Castagneto and the first funder Franco Mazzotti were disappointed by the failure to assign to Brescia of the Italian GP (Monza was selected instead) and founded a race that had to be performed on the road for about 1.600kms in a single devastating stage Brescia-Roma-Brescia.

MORETTI 750 Sport Bialbero (1956) Price Leon Barff Rob

Pensare che un certo “Stirling Moss” al volante della mitica Mercedes Benz 300 SLR n.722 (i numeri di gara corrispondevano all’orario di partenza da Brescia, ovvero le 7:22 del mattino) abbia impiegato appena 10 ore, 7 minuti e 48 secondi per coprire l’intero percorso all’incredibile velocità di 157,65km/h di media, fa capire il calibro dei piloti partecipanti rapportato alla difficoltà della competizione. Tutto questo accadde nel 1955 ed il record, rimasto imbattuto (e lo sarà per sempre), è diventato storia.

To think that a certain “Stirling Moss” behind the wheel of the legendary Mercedes Benz 300 SLR n.722 (the race numbers corresponded to the starting time from Brescia, so 7:22 in the morning) took just 10 hours, 7 minutes and 48 seconds to do the entire course at the incredible average speed of 157,65km/h, makes you understand the quality of the drivers in relation with the difficulties of the competition. And all this happended in 1955 and the record, still unbeated (and it will be forever), became history.

DSC_2883_H

Oggi invece le cose sono cambiate, ma il fascino rimane: per darvi una vaga idea dell’esperienza, voglio raccontarvi la 1000MIGLIA vista dall’interno e così, armato della mia MX-5 classe 1991, mi sono avventurato nel seguire questa meravigliosa manifestazione. Molte volte mi sono ritrovato ad intraprendere viaggi e trasferte “eroiche” nell’arco della mia vita ma quello che si respira, si prova e si percepisce percorrendo tutti questi chilometri su strada aperta mentre si svolge “la corsa più bella del mondo” semplicemente non ha prezzo.

Nowdays, instead, things are different, but the charm remains: to give you a small idea of the experince, I want to tell you the 1000MIGLIA from the inside and so, along with my 1991 MX-5, I ventured to follow this wonderful event. Many times I found myself to undertake “heroic” travels and trips in my life but what it’s possible to breathe, try and feel while doing all those kilometers on the open roads with the “corsa più bella del mondo” (most beautiful race in the world) is just priceless.

ALFA ROMEO 6C 1750 Gran Sport (1932) Marx Axel

La sera del Giovedì sancisce l’inizio delle danze, i motori rombano tra le mura del centro di Brescia, la folla pare in delirio, le auto classiche hanno sempre il loro fascino e la presenza di numerosi VIP e personaggi di rilievo richiama ogni anno appassionati e curiosi di tutte le età.

Thursday night establishes the start of the game, the engines roar among the walls of the center of Brescia, the fans go crazy, classic cars have always had the charm and the presence of countless VIPs and important people call back every year enthusiasts and curious people of all ages.

MG C-Type (1932) Watts Graham Watts Patrick

L’arrivo in tarda serata è stabilito a Ferrara, poche ore di riposo e la mattina seguente del Venerdì segna l’inizio delle fatiche per gli equipaggi che dovranno arrivare a Roma seguendo le serrate tabelle di marcia, protagoniste vere della manifestazione. Sono nella via Emilia tra Ravenna e Cesena, piove a dirotto e immagino quanto “veri uomini” devono essere i partecipanti per controllare le auto classiche attraverso le rovinose strade dei giorni nostri, tra buche, dossi e scivolose rotatorie.

The arrive at late evening is at Ferrara, just a few hours of sleep and the following morning of Friday signs the start of the efforts for the crews that will be coming to Rome following the mandatory roadmaps, real protagonists of the event. I’m on the Via Emilia between Ravenna and Cesena, it rains a lot and I imagine how “real men” the entrants should be to control the classic cars through the rough roads, potholes, bumps and slippery roundabouts.

FIAT ROVELLI Spider Hard-Top (1947) Valentini Aurelio Valentini Giuditta

Le ore passano insieme ai chilometri. La gente ti saluta, ti acclama, ti applaude. C’è anche chi fa cenno di “dare gas”, molti vogliono sentire rombare i motori. Una volta all’anno si può fare, i partecipanti lo sanno, salutano con la mano, strombazzano e… danno gas!

The hours pass along the kilometers. The people salute you, cheer you, clap you. There is also someone who make you the sign to “give gas”, many of them want to hear the engines roaring. Once a year it’s possible to do it, the entrants know it, wave with a hand, push the horn and… give gas!

ASTON MARTIN DB 3S (1952) Louwman Quirina Wood James

Ma non finisce qui: tutto questo è condito dal magnifico scenario del nostro bel paese, da pioggia, sole, vento, ancora pioggia, sole con pioggia e così via. Se pensiamo per un attimo a “quel famoso record” stabilito dal mitico pilota Inglese, oltretutto con un’auto del 1955, vengono i brividi! La 1000Miglia odierna non è una gara di velocità ma in qualche punto, dove la strada lo permette, certi concorrenti in ritardo sulla tabella di marcia premono sull’acceleratore.

But it does not end here: all of this is spiced with the amazing scenario of our bel paese, from rain, sin, wind, more rain, sun with rain and so on. If we think for a moment to “that famous record” established from the legendary British driver, moreover with a 1955 car, you get the shivers! The modern 1000MIGLIA is not a speed race but in some points, where the road allows it, some entrants that are in late on the roadmap push on the throttle.

BMW 328 (1937) Bender Hans-Joachim Mülder Peter

Le auto arrivano a Roma, per ripartire poi al mattino del Sabato tra le vecchie mura della Capitale. La Strada Statale n.2 (Cassia) è quanto di più bello si possa vedere per un appassionato vero della guida, il nastro asfaltato disteso tra le colline delle numerose località storiche si condisce di curve e saliscendi coinvolgenti ed emozionanti, arrivando a Viterbo, Montefiascone, Bolsena, Radicofani, S.Quirico d’Orcia, Montalcino e Buonconvento.

The cars arrive at Rome, to restart the following morning of Saturday among the old walls of the Capitale. The Strada Statale n.2 (Cassia) is the most beautiful thing a driving fan can see, the stripe of tarmac lying between the hills and the various historic places mixes up with enthralling bends, uphills and downhills, arriving at Viterbo, Montefiascone, Bolsena, Radicofani, S.Quirico d’Orcia, Montalcino and Buonconvento.

BUGATTI T 35 A 1925

Siena e Firenze accolgono con grandi applausi la carovana degli oltre 400 partecipanti, nel mezzo ci sono anch’io, tra supporter, veicoli d’assistenza, giornalisti e organizzatori. Qualcuno racconta che ad oggi, “la corsa più bella del mondo” comprenda circa 3.000 veicoli tra storici e moderni. Protagoniste indiscusse, tutte quelle automobili prodotte fino al 1957 che hanno partecipato alla corsa originale di velocità.

Siena and Firenze welcome with great applauses the convoy of the 400+ entrants, I’m there too, in the middle, among supporters, service vehicles, journalists and organizers. Some say that today, “la corsa più bella del mondo” includes about 3.000 vehicles, both histoic and modern. Undisputed protagonists, all those cars produced till 1957 that took part in the original race.

VERITAS Dyna (1951) Wissing Henry Collette Joannes

La giornata sta per terminare, l’arrivo a Brescia sarà in tarda serata, ma il sottoscritto è stanco ed ha lasciato prematuramente la fascinosa carovana. Nella notte i temerari concorrenti al volante di queste meraviglie a quattro ruote arriveranno una ad una al traguardo. Certamente qualche ferito ci sarà. Rotture e ritiri fanno parte del gioco.

The day is about to finish, the arrive at Brescia will be at late night, but yours truly is tired and left prematurely the fascinating convoy. In the night the brave drivers of those 4-wheels-beauties will arrive one after the other at the finish line. There will be for sure some injured. Breakages and withdrawals are part of the game.

JAGUAR C-Type (1952) Buncombe Alex Harris Chris

Immaginandomi il valore dei veri piloti di una volta ed ammirando gli odierni partecipanti tra pioggia, vento, freddo e tanta passione, mi accorgo che neppure son stato in grado di terminare i fatidici 1.600km, se pur al volante di una ben più comoda e moderna auto degli anni ’90.

Thinking about the value of the real drivers of the old times and looking at the modern entrants between rain, wind, cold and a lot of passion, I realize that I’m not even been able to finish the infamous 1.600kms, even if behind the wheel of a more comfortable and modern car from the 90s.

CITROEN DS 19 (1957) Gervais Guy Grenier Louis

La 1000Miglia 2013 è terminata, la stanchezza si fa sentire ma resterà viva solo l’emozione di questo magnifico weekend all’insegna della passione, quella vera, condita dal fascino della storia.

The 2013 1000MIGLIA is over, the tiredness is felt but the emotion of this wonderful weekend full of passion, the real one, topped with the charm of the history, will remain.

Photos by Cesare V. Vicentini

Text by Giulio Caneschi

Advertisements

4 thoughts on “La Corsa Più Bella Del Mondo

  1. Grande Giulio…!!! leggere il tuo articolo è stato come essere in prima persona a vivere l’evento, sei riuscito a trasmettere queste emozioni.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s