Old Glories: Volkswagen Golf GTI Mk2

Golf GTI Mk2

Vernasca, Val d’Arda, Appennino Ligure, provincia di Piacenza.
E’ una stupenda giornata di fine inverno e corre l’anno 1990… No, in realtà siamo nel 2013 ma sono al volante di un’icona degli anni del benessere e la mente mi torna piacevolmente indietro nel tempo. Begli anni quelli, c’era profumo di ottimismo e chi scrive viveva tranquillo la fantastica ed unica età della giovinezza più desiderabile: quella della maturità anagrafica.

Vernasca, Val d’Arda, Ligurian Apennine, province of Piacenza.
It’s a wonderful day in late winter and the year is the 1990… Well, to be honest we are in 2013, but I’m behind the wheel of an icon from the years of the welfare and my mind is pleasantly going back to those times. Those were the good days, there was the smell of optimism and who is writing right now was quietly living the unforgettable age of the most desirable youth: the one of the 18s.

Golf GTI Mk2 dashboard

Sono in viaggio con una Volkswagen Golf GTI Mk2 del 1990: i pensieri, i ricordi, le sensazioni, le emozioni si fondono con l’atmosfera che si respira dentro l’abitacolo teutonico dal cruscotto squadrato,

I’m travelling on a 1990 Volkswagen Golf GTI Mk2: the thoughts, the memories, the sensations, the emotions are all mixed together with the atmosphere that you can feel inside the car with the squared dashboard,

VW Golf Steering Wheel

con il volante un po’ basso ma efficiente,

the a-bit-low-but-efficient steering wheel,

VW Golf GTI seats

i comodi sedili sportivi dal tessuto grigio/blu/giallo e la piacevole sensazione di solidità e qualità concepite per durare nel tempo.

the comfy sports seats with the gray/blue/yellow fabric and the lovely sensation of strength and good quality designed to last over the years.

Volkswagen Golf GTI Mk2

Una volta non avrei mai fatto caso a certi particolari, ma oggi la grande superficie vetrata e i montanti sottili tipici delle automobili “vintage” permettono di godersi il panorama circostante offerto dagli stupendi scenari dell’Italia che piace, ed il sinuoso nastro d’asfalto che si stende sopra le colline piacentine assume toni ancora più gradevoli.

Time ago I would have never noticed some of the details, but today the big windshield and the thin A pillars typical of the “vintage” cars allow to enjoy the surrounding panorama and the beautiful sceneries offered by the Italy that we like the most, and the sinuous stripe of tarmac that goes up through the hills of Piacenza assumes even more pleasing tones.

Golf GTI panning

Divorare l’asfalto al volante di un’auto sportiva spesso ci isola da tutto il resto, questa berlinetta cattiva del passato ci permette, invece, di godere entrambe le cose: soddisfazione di guida e piacevolezza del viaggio.

Driving a sports car like a mad it usually takes you into another dimension, while this mean hot hatch from the past lets you enjoy everything: the thrill of driving and the pleasure of the journey.

Golf GTI Royal Blue

L’esemplare in oggetto è di un delicato ma elegante “Royal Blue metallic”, conservato, mai riverniciato, ancora con targa originale di prima immatricolazione. Difficile trovarne uno a parità di condizioni, considerando che un trascorso di 23 anni per un’auto sportiva vuol dire cambiare tanti proprietari e finire inevitabilmente tra le grinfie dell’amante del tuning (più o meno estremo) o del pistaiolo, quindi un assetto raso-terra ed un treno di cerchi after-market è il minimo che le potrebbe capitare. Non è, però, il nostro caso, poiché la vettura è stata mantenuta e curata in condizioni impeccabili e i precedenti proprietari ne hanno sempre salvaguardato l’originalità sotto tutti i punti di vista.

The model we have here is painted with a delicate but elegant “Royal Blue metallic” colour, preserved, not restored, still with its first and original license plates. It’s quite hard to find another one in such good conditions, considering that for a 23 years old sports car means changing some owners and ending up inevitably in the hands of the “tuning lover” or of the “Sunday racer”, therefore a ground-scraping setup and a set of after-market wheels are the minimum things that can happen. But this isn’t our case, because the car has been maintained in impeccable conditions by the previous owners, that have always preserved its originality.

VW Golf shift knob

Forse solo il pomello del cambio non è uscito dalla casa di Ingolstadt, poiché sembra un accessorio che richiama i colori “Motorsport” di qualche preparatore Volkswagen dell’epoca, ma la caratteristica forma della pallina da golf è comunque rimasta.

Maybe just the shift knob is not coming from the Ingolstadt factory, because it seems an accessory that recalls the “Motosport” colours of some sort of Volkswagen tuner of that era, but the typical shape of golf ball is still the same.

Golf GTI Mk2 engine

Il motore è il classico milleotto (1781cc) 4 cilindri in linea della GTI nella versione 8 valvole e sviluppa una potenza massima di 112cv (82kw) a 5.400 giri, permettendo un considerevole allungo di marcia fino a 6.700 giri. Coppia massima 159 Nm a 3100 giri. Numeri che oggi ci fanno sorridere ma la cubatura corposa, associata ad un peso comunque contenuto (dichiarati 920 kg per la versione 3 porte e 940 kg per la versione 5 porte), fanno della Golf GTI mk2 una godibilissima berlinetta sportiva, capace persino di togliersi qualche soddisfazione nei confronti delle più potenti (ma ben più pesanti) autovetture contemporanee.

The engine is the classic one-point-eight (1781cc) inline 4 of the GTI in the 8 valves variant and it develops a maximum power of 112bhp (82kw) at 5.400rpm, allowing a nice gear stretch till 6.700rpm. 159 Nm of torque at 3100rpm. Numbers that by today standards just make you smile, but the substantial cubic capacity of the engine, mated with a rather light weight (920kgs for the 3 doors version and 940 for the 5 doors version), make the Mk2 Golf GTI a pretty enjoyable hot hatch, that is also able to get some satisfaction over the more powerful (but heavier) modern cars.

VW Golf GTI Mk2 front grill

Se guidarla è un piacere, osservarla non lo è di meno: il restyling del 1990 rende il corpo vettura gradevole e aiuta il coefficiente aerodinamico, migliorando così prestazioni e consumi rispetto al modello precedente. La classica calandra quattro fari, dall’inconfondibile profilo rosso con la grossa scritta “GTI”, è un’eredità della prima serie per continuare a spaventare gli automobilisti più lenti che si vedono lampeggiare in autostrada dalla divoratrice di berline.

If driving it is a pleasure, the same is looking at it: the 1990 restyling makes the bodywork more nice and with better aerodynamic, improving both performances and efficiency compared to the older model. The classic four headlights front grill, with the unmistakable red frame and the big “GTI” logo on it, is and heritage from the first series (Mk1) to keep scarying the slowest drivers that see this mean hot hatch blasting on the highway.

VW Golf GTI Mk2 rear view

Caratteristici del modello anche il piccolo spoiler sul lunotto, la cornice nero opaca del portellone posteriore e le targhette rosse identificative poste sotto le frecce rettangolari laterali.

More distinctive details are the small rear wing, the matte black frame on the rear door and the iconic red badges placed below the squared side indicators.

Golf GTI badge

Vedere una coccinella sopra la targhetta “GTI” ci riporta alle origini di tutto, al Maggiolino di casa Volkswagen, illustre antenato della Golf più amata e ambita da tutti gli appassionati.

To see a ladybug above the “GTI” badge takes us back to the origins, to the Volkswagen Beetle, famous ancestor of the most wanted and beloved Golf for the enthusiasts.

Golf GTI wheel lift

Alla guida si avverte la sensazione di un’auto robusta, stabile, bilanciata. Certamente, avvicinandosi al limite, la tendenza al sottosterzo delle trazioni anteriori si fa sentire, ma sui curvoni di grande appoggio non si comporta niente male: solo un po’ di rollío costringe a qualche piccola correzione di sterzo, necessaria per mantenere la traiettoria ideale. Nel misto stretto, invece, le emozioni del passato si fanno più evidenti, poiché forzando l’andatura la ruota posteriore interna si stacca facilmente da terra e si avverte l’avantreno puntare sulla ruota motrice esterna.

When driving it one can feel that the car is solid, stable, balanced. For sure, while going close to the limit, it’s possibile to notice the typical understeer tendency of the front wheel drive cars, but on the wide corners is not bad at all: just a small rolling of the chassis makes you doing some little corrections on the steering wheel, required to keep the car on the ideal line. While on the tighter corners, the emotions of the past are even more clear, because by pushing hard the rear inner wheel easily lifts up from the ground and it’s possible to feel the front end of the car pushing on the outer driving wheel.

Golf GTI drift

Quasi impossibile innescare un’azione sovrasterzante nelle fasi di rilascio e, per far scattare ai fotografi qualche immagine d’azione “al limite”, devo obbligatoriamente far uso del freno a mano, controllando “il traverso” con il piccolo bagaglio d’esperienza maturata nel tempo.

Almost impossible to let the car going sideways even during the off-the-throttle action and, to let the photographers snap some “to the limit” action shots, I’m obliged to pull the e-brake, controlling the slide with the small amount of experience gained over the years.

Golf GTI

Guidare la GTI è sempre un piacere, le si dà subito confidenza e lei te la concede volentieri, lasciandosi condurre al passo che sceglierai, turistico o sportivo che sia, sempre con grande facilità ed istintività. La sua tenuta di strada è proverbiale, il motore “coppioso” è soddisfacente e le qualità di un cambio ad innesti precisi, con una corsa del leveraggio abbastanza corta, fanno la loro parte per permettere di godere, ancora oggi, di una delle automobili più ambite e desiderate degli ultimi trent’anni.

Driving a GTI is always a pleasure, you give her some confidence and she allows you to take it, leaving up to you how you want to drive it, both sporty or touristic way, always with a lot of confidence and instinctiveness. Its grip is quite famous, the motor with the good torque is very nice and the quality of a good gearbox, with a fairly short and precise linkage, make their part to let the driver to enjoy, even today, one of the most desirable cars of the last thirty years.

Golf GTI wide shot

Un tempo la moda non si faceva per caso: giovani, uomini di mezza età, figli di papà, liberi professionisti, bancari, imprenditori, agenti di commercio, signore benestanti ed appassionati di qualunque ceto desideravano una Golf GTI per la sua carrozzeria originale, per le sue prestazioni eccezionali nonostante costi di mantenimento “possibili” e soprattutto per la sue qualità globali e strutturali.

Back in the days the trends were not made by chance: young people, mid aged men, rich kids, freelancers, bankers, businessmen, employers, wealthy ladies and enthusiast of all classes wanted a Golf GTI for its unique bodywork, for its great performances despite the “possible” running costs and moreover for its global and structural qualities.

VW Golf GTI Mk2

Tutto questo faceva (e fa ancora) tendenza, anche senza bisogno di certi “stupidi” orpelli tecnologici che oggi abbelliscono le compatte sportive.

All of this settled (and still sets) a trend, even without the need of some sort of “silly” technlogical frills that nowdays decorate the hot hatches.

Golf GTI Mk2

Il piacere di guidare? “Il futuro è nel passato!”.

The pleasure of driving? “The future is in the past!”

Testo di Giulio Caneschi

Text by Giulio Caneschi

Advertisements

One thought on “Old Glories: Volkswagen Golf GTI Mk2

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s